Home » Firenze in 2 giorni: si può fare! [cosa vedere e mangiare]

Firenze in 2 giorni: si può fare! [cosa vedere e mangiare]

by Col Cavolo

Firenze in 2 giorni si può visitare, bastano un paio di scarpe comode e tanta voglia di riempirsi gli occhi di bellezza

Finalmente, dopo quasi un anno, vi parlo di “Firenze in 2 giorni”.
L’ho girata durante il weekend di Pasqua, l’anno scorso, senza considerare (ovviamente) tutta la gente che ha pensato alla stessa meta, negli stessi giorni.
Mi aspettavo di trovarla super popolata? Decisamente sì, ma prenotando leggermente in anticipo non ho nemmeno pagato molto per l’alloggio.

Partiamo dall’inizio: è stato un pink-weekend visto che siamo partite in 3 (io, mia cugina e un’amica) da Brescia con Italo (pagato 54€ a testa a/r, in prima classe).

Per l’alloggio ci siamo affidate ad airbnb e abbiamo trovato il Tower Inn, un appartamento in zona centrale a circa 100€ totali (per una notte) risistemato a nuovo, comodo, super spazioso e ottimo per poter muoversi a piedi.

Ovviamente appena arrivate a Firenze, non ci siamo fatte mancare la terza colazione (la prima in stazione, la seconda su treno e la terza in città). Avevamo bisogno di energie per poter visitare la città!

firenze in 2 giorni

Dopo esserci rifocillate, ci siamo incamminate.
Prima tappa: Duomo, ovvero Santa Maria del Fiore.
Ci siamo messe subito in coda per il Battistero perchè era la più veloce.
Successivamente, visto che stava arrivando il diluvio universale, ci siamo infilate nel museo del Duomo senza nemmeno fare la coda (fortunatamente siamo entrate subito perchè appena si è messo a piovere, tutti si sono fiondati lì!).
Abbiamo poi visitato il campanile dopo circa 1h e 30 di coda, a tratti sotto la pioggia, e, dopo pranzo, la Cattedrale e la Cripta.
No, non abbiamo visto la Cupola del Brunelleschi (non infierite, grazie) perchè erano esauriti i posti.

firenze in 2 giorni

Abbiamo comprato online il biglietto cumulativo a 18€ (qui tutte le info), quindi ci siamo risparmiate un po’ di coda nelle biglietterie. Consiglio: fatelo se andate in periodi in cui c’è un’alta affluenza di turisti.

firenze in 2 giorni

Nel pomeriggio, ci siamo incamminate verso La Basilica di Santa Croce.

La domenica, dopo aver fatto colazione presto (sì, alle 7.30 eravamo già al bar), ci siamo dirette verso Palazzo Pitti e i Giardini di Boboli.
Essendo Pasqua l’ingresso era gratuito.
Solitamente si possono prendere i biglietti per i singoli palazzi/giardini oppure quello cumulativo (con cui si risparmiano circa 8€ se doveste acquistare quello completo con gli Uffizi). Il mio consiglio? Farli entrambi.

Firenze in 2 giorni

Ci siamo dedicate ad un pomeriggio di relax ai giardini prima di tornare in stazione e riprendere il treno verso Brescia.

Nel tour fiorentino ovviamente non potete evitare di dedicarvi al cibo.
Noi ci siamo fatte conquistare dalla schiacciata dell’Antico Vinaio (circa €5), in primis.
Non fatevi spaventare dalla coda di gente, sono molto veloci e ne vale decisamente la pena.

firenze in 2 giorni: antico vinaio

Sabato sera ci siamo infilate alla Trattoria Marione.
Prezzi abbordabilissimi, locale rustico e cibo ottimo con ottime porzioni (io ho preso la ribollita ad €7,50).

firenze in 2 giorni: Tattoria Marione

E per ultimo il mercato centrale: lampredotto mon amour (€4).
In ogni caso c’è una vastissima scelta di cibo a prezzi onesti, tanto da rimanere interdetti riguardo a cosa/quanto ordinare.

firenze in 2 giorni: mercato centrale

In tutto ciò, l’avrete notato, abbiamo saltato gli Uffizi, principalmente per 2 motivi:
– erano gratis, perchè era Pasqua e già prima delle 8 c’erano almeno 2 ore di coda
– saremmo rimaste nel museo troppo tempo e non saremmo riuscite a completare il programma che ci eravamo prestabilite.

Ovviamente visitare Firenze in 2 giorni dà un’idea della bellezza della città e della bontà dei piatti che vengono preparati.
Se avete più tempo fermatevi qualche giorno e riempitevi gli occhi di magia.

Avete già visitato la città? Quali sono i vostri posti preferiti?

Ti potrebbero piacere anche questi

Lascia un commento