Home » Piadaklàva γλυκός (la mia piadina greca per i Piadamundial)

Piadaklàva γλυκός (la mia piadina greca per i Piadamundial)

by Col Cavolo

IMG_4717

Come di consueto arriva l’appuntamento con l’MTC.
Questo mese non troviamo solo la ricetta sfida, ovvero la piadina (grazie a Tiziana, dal blog  L’Ombelico di Venere), ma troviamo pure i Piadamondiali!
Avete capito bene!
Oltre ai mondiali di calcio, ci saranno quelli della piadina.
Il calendario è lo stesso e i gironi pure, semplicemente ogni allenatore metterà in campo una formazione (gli ingredienti) che rappresenteranno il paese scelto.
Siete pronti?
Io rappresenterò la Grecia e stamattina la prima partita del girone è stata mia.
Ah, la ricetta utilizzata per la piadina è quella di Tiziana, quindi ve la copio pari pari.

IMG_4651

Piadaklàva γλυκός

Ingredienti per la piadina:
500 g di farina 00
125 g di acqua
125 g di latte parzialmente scremato fresco
100 g di strutto
15 g di lievito per torte salate
10 g di sale fine
1 pizzico di bicarbonato di sodio

Per il ripieno
170g di yogurt greco compatto
2 cucchiai rasi di miele
50g di noci sgusciate
40g di mandorle pelate (o granella)
30g di pistacchi tostati
1 cucchiaino di zucchero semolato finissimo
1/3 di cucchiaino di cannella in polvere

Per lo sciroppo
il succo di mezzo pompelmo
1 cucchiaino di miele
2 cucchiai abbondanti di zucchero semolato finissimo

Preparazione:
Innanzitutto preparatevi psicologicamente 48ore prima.
Fate scaldare al microonde il latte e l’acqua per pochi secondi in modo che siano tiepidi. Lasciate ammorbidire lo strutto mezz’ora circa fuori dal frigorifero. Su di un tagliere disponete la farina e fate un buco al centro con la mano. All’interno mettete lo strutto a pezzetti con il lievito, il bicarbonato e il sale, schiacciatelo con la forchetta per ammorbidirlo, aggiungete l’acqua e il latte. La consistenza inizialmente potrebbe essere un pochino appiccicosa e la pasta si attaccherà al tagliere ma impastando per una decina di minuti, cambierà staccandosi e diventando molto morbida e liscia. Se il liquido è troppo poco si sfalda e risulta un po’ dura. Mettete l’impasto in una ciotola e coprite con la pellicola per alimenti. Lasciate riposare 48 ore al fresco, massimo 20°C, se fosse più caldo potete lasciare riposare la pasta in frigorifero e metterla a temperatura ambiente 2 ore prima dell’uso. La pasta ottenuta sarà circa 850 grammi, dividetela in 6 pezzi da 140 grammi circa e formate delle palline, lasciatele riposare almeno mezz’ora. Infarinate appena il tagliere e disponetevi una pallina d’impasto, schiacciatela con la punta delle dita, stendete la piadina con il mattarello girandola spesso in modo che rimanga rotonda. Avrà un diametro di circa 20 centimetri e uno spessore di 0,5 centimetri. Scaldate il testo o l’apposita teglia di terracotta, su un fornello a doppia fiamma, con sotto uno spargifiamma. Se non avete nessuna di queste teglie utilizzate una padella antiaderente piuttosto larga. La temperatura non dovrà essere troppo alta altrimenti la piadina si brucia fuori e rimane cruda all’interno, ma nemmeno troppo bassa. Potete fare una prova con un piccolo pezzetto di pasta per regolare la giusta temperatura. Cuocete pochi minuti per lato, controllate sempre alzando la piadina con una paletta. Disponete le piadine una sull’altra in modo che rimangano calde mentre le cuocete.
L’impasto può essere preparato con l’impastatrice, viene benissimo, basterà mettere tutti gli ingredienti assieme  e lavorarli con il gancio impastatore per 7/8 minuti fin quando il composto risulterà omogeneo.

Pronte le piadine, lasciatele intiepidire un po’ e, nel frattempo, preparate la farcia e lo sciroppo.
Preparate prima di tutto lo sciroppo.
Mettete in un pentolino il succo di pompelmo con il miele e lo zucchero e fate cuocere tutto a fiamma media finché si addenserà un po’ raggiungendo la tipica consistenza sciropposa.
Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
Quando sarà freddo preparate la farcia mescolando lo yogurt greco con il miele e, a parte le noci con le mandorle, i pistacchi (tutto tritato al coltello grossolanamente), lo zucchero e la cannella.

Componete la piadina: mettete uno strato di yogurt greco, quindi la frutta secca e chiudete la piadina a metà.
Servitela con lo sciroppo.

Nota:
Io invece di fare 6 piadine, ne ho fatte 8 e le ho tirate sottilissime.

IMG_4655 IMG_4658 IMG_4662 IMG_4724 IMG_4731 IMG_4732 IMG_4650

Con la ricetta partecipo dunque ai Piadamundial e all’MTC n°40 dedicato alla Piadina.
piadamundialBANNER
Se rifai qualche mia ricetta, taggala su instagram con @col_ph o #colcavolo

Ti potrebbero piacere anche questi

17 commenti

alittleplace 15 Giugno 2014 - 13:41

Due cose: foto sublimi e ricetta fantastica! Yogurt greco e frutta secca è un abbinamento che io adoro e che rappresenta davvero al meglio la Grecia! =)

Reply
colkitchenphotos 15 Giugno 2014 - 22:12

Grazie mille davvero!! 🙂
Per il mio gusto personale eliminerei la cannella, ma questa piadina è veramente goduriosa!
Un abbraccio!

Reply
Flavia Elisa BAker 15 Giugno 2014 - 22:34

Beh Nicol…che dirti??? E’ stata una bella sfida…. e pensa che con questa piadina ne hai almeno altre due di partite da giocarti..per il primo girone, in bocca al lupo!!!

Reply
colkitchenphotos 15 Giugno 2014 - 22:54

Benvenuta!
E speriamo crepi il lupo!
Per ora è stata dura, ma ce l’ho fatta, per le prossime già tremo! 🙂
Un abbraccio

Reply
rosaria 16 Giugno 2014 - 12:25

spettacolare!!! le foto e la ricetta sono da coppa del mondo…complimenti!

Reply
colkitchenphotos 16 Giugno 2014 - 16:16

Grazie mille!!
E benvenuta 🙂

Reply
Fabio 16 Giugno 2014 - 22:52

Dovevo passare a “casa tua” per capire se fossi così anche nella tua vita “normale” e ho già avuto tutte le risposte. Grande!

Fabio

Reply
colkitchenphotos 17 Giugno 2014 - 7:50

Ebbene sì, sono fuori di testa “natuuure”.
Niente da fare ormai, mi tenete fosì 🙂
Grazie Fabio!

Reply
alessandra 17 Giugno 2014 - 7:33

Non è solo una bella sfida (per inciso, la Colombia è una delle piadinhe favorite e batterla al primo colpo era una mission impossibile), ma è l’occasione per averti potuto conoscere meglio e adorarti, da subito, senza se e senza ma. Ci stai regalando momenti esilranti, con le tue telecronache, col rischio di far passare in secondo piano la tua bravura in cucina. Succede quando si è bravi e simpatici, per fortuna e purtroppo: ma ti assicuro che questa glikòs piadaklava è davvero un trionfo di bontà, sia dal punto di vista concettuale che da quello della realizzazione. Troppo felice, di averti con noi!

Reply
colkitchenphotos 17 Giugno 2014 - 8:05

Un signur! Non sapevo fosse la favorita, mi sono buttata a capofitto e via!
Allora sono mille volte più fecile per averla battuta (eheh spirito competitivo!!).
Grazie a voi per avermi accolto in questo super gruppo 🙂

Reply
cristiana 17 Giugno 2014 - 10:22

Ti ho votato senza sapere chi fossi…ora hocollegato che la ssquinternata deile telexronache sei tu! Un vero piacere averti scoperto cri

Reply
colkitchenphotos 17 Giugno 2014 - 15:37

Beh dai almeno non possiamo dire che la votazione fosse “truccata”! 😉
Grazie a te per esser passata da qui e, piacere mio! 🙂

Reply
Lou 23 Giugno 2014 - 8:03

Sono con la bocca aperta, con un appetito pazzesco nonostante la colazione già consumata e la ripromessa di non toccare una piada prima che siano passati un paio di mesi…ma questa è troppo troppo spaziale
Appena ho letto piadaklava ho capito che si celava una ricetta pazzesca.
Bravissima e in bocca al lupo per l’MTC
Lou

Reply
colkitchenphotos 23 Giugno 2014 - 15:24

Grazie, grazie, grazie davvero!!
Speriamo crepi il lupo!
Ah, se proverai a farla, mi farai sapere se ti sarà piaciuta, vero? 🙂
Un abbraccio!

Reply
Monica 26 Giugno 2014 - 9:47

Ma perchè io questa me l’ero persa??
Mi ispira tantissimo, dolce e piena di sapori. Bravissima!

Reply
tiziana 27 Giugno 2014 - 23:04

Ecco, perché arrivo solo ora qui!??! scusami, avevo notato questa piada proprio nel piadamondiale e ammetto che è strepitosa, veramente!! Mi piace che tu abbia scelto la versione dolce della grecia con un’ottima farcitura, e poi tutta questa frutta secca che amo.. e lo sciroppo delizioso con pompelmo e miele si crea un perfetto equilibrio di aspro/dolce, complimenti, anche per le fantastiche foto!

Reply
colkitchenphotos 1 Luglio 2014 - 18:40

Eravamo tutte prese dai Piadamundial!!
A casa mia è sparita in un attimo, quindi è proprio piaciuta!
Altro che “piada con la nutella” 😉
grazie mille!!!

Reply

Lascia un commento