Home » Scorze d’arancia speziate e buon Natale!

Scorze d’arancia speziate e buon Natale!

by Col Cavolo

IMG_1402Ultimo appuntamento della rubrica natalizia!
“Era ora!” direte…
Beh oggi il post sarà velocissimo, ho mille cose da fare, regali da portare, auguri da spargere e stasera il cenone a casa dei nonni.
Anche questa volta ho seguito i consigli (preziosissimi) di Mr. Felder.
La lezione di “Patisserie!” di oggi è la n°111 (si perchè parto dalla prima e passo alla seconda, ovvio!)

IMG_1399

Scorze d’arancia speziate

Ingredienti:
5 arance non trattate
300g di zucchero
500ml di acqua minerale
1 cucchiaio di miele (io millefiori)
per la finitura:
200g di zucchero
1 cucchiaino di cannella
2/3 di cucchiaino di zenzero
1/2 cucchiaino di noce moscata

Preparazione:
Con un coltellino sbucciare le arance cercando di prendere anche un po’ di polpa.
Tagliate la buccia a fette abbastanza spesse tenendo la polpa attaccata.
Fate bollire un po’ di acqua in una casseruola e immergete gli spicchi dell’arancia lasciandoli bollire per un minuto, quindi toglieteli.
Procedete nello stesso modo fino a finire le bucce.
Ripetete l’operazione da capo per sbianchire bene le scorze attenuando l’asprezza.
Quando gli spicchi saranno pronti, in una pentola mettete i 500ml di acqua e i 300g di zucchero. Portate a bollore creando così uno sciroppo.
Immergete gli spicchi dell’arancia nello sciroppo e fate bollire per 2 minuti.
Aggiungete il cucchiaio di miele, poi mettete gli spicchi in un vasetto a chiusura ermetica.
Lasciate raffreddare completamente il tutto prima di chiudere il vasetto.
Conservate gli spicchi in frigorifero.

Per la finitura:
Sgocciolate gli spicchi con un colino (o metteteli su una griglia) e lasciateli asciugare per un’ora.
In una ciotola unite lo zucchero, la cannella, lo zenzero e la noce moscata.
Appena gli spicchi saranno asciutti, passateli nello zucchero speziato.
Conservateli in una scatola di latta.

IMG_1401
IMG_1406
IMG_1410 IMG_1412

Vi lascio facendovi tantissimi auguri di buon Natale!!

IMG_1430

Ti potrebbero piacere anche questi

Lascia un commento