Home » Succo di mela caldo speziato (analcolico)
Succo di mela caldo speziato (analcolico)

Succo di mela caldo speziato (analcolico)

by Col Cavolo

Il succo di mela caldo speziato è la bevanda ideale per le giornate più fredde ed ha tutto il profumo delle festività

Il succo di mela caldo (speziato) alla fine non è altro che una versione alcool free e buonissima del vin brulè che scalda la pancia (e l’anima) durante le fredde giornate invernali, magari mentre si corre in giro per la città a cercare gli ultimi regali di Natale.

Avete presente, no, quel profumo che avvolge i mercatini di Natale e gli alpini che cantano durante la festa?
Ecco, otterrete esattamente lo stesso profumo, leggermente meno pungente, con questo succo di mele caldo.
Ovviamente essendo alcool free è perfetto anche per i più piccini.

Una volta pronto, poi potete benissimo conservarlo in frigorifero per 3-4 giorni e scaldarlo nuovamente quando deciderete di berne un’altra tazza.
Se invece lo preferite freddo, è buonissimo anche così, magari dopo i pasti, quando si ha voglia di qualcosa di dolce, ma non si vuole esagerare, viste poi le mangiate che ci attendono durante le feste natalizie!

Naturalmente non esiste bevanda calda senza dolcetto di accompagnamento.
Cosa? Un attimo fa stavo parlando di “non esagerare” e venerdì è uscito il post della dietista?
Va bene, allora facciamo che accompagneremo la bevanda calda con un dolcetto sano.
Quindi via libera a:
torta di mele soffice
muffin alla banana senza lattosio con crumble
Biscotti senza lattosio con gocce di cioccolato e mirtilli rossi

Ora però correte in cucina a preparare il succo di mela caldo speziato perchè ci vogliono 5 minuti e poi tornate qui così vi guardate il video sui biscotti da regalare a Natale e vi portate avanti con lo “snellimento” della lista dei regali!
E se non vi basta, ci sono anche i regali in barattolo e il fudge che di dietetico ha davvero poco, ma fa bene all’anima (che lei non è mai a dieta)

Succo di mela caldo speziato (analcolico)

Ti potrebbero piacere anche questi

Lascia un commento