Home » La mia pasta per le Millemiglia

La mia pasta per le Millemiglia

by Col Cavolo

IMG_3825

Lo so, un altro primo.
Ma non potevo evitare. Questa volta no.
Ieri ero a pranzo da mia mamma (come sempre) e, parlando con Fabio (mio zio. Vi servono dei cuscinetti? Lui li ha!), siamo arrivati all’argomento Millemiglia.
Perchè non fare un piatto per onorare la manifestazione che parte e arriva nella città della Leonessa?!
Ok, ma le Millemiglia sono domani.
Non c’era tempo.
Poi sfido chiunque ad avere in casa la pasta.
Ma non una pasta qualunque!
Le ruote!
Pensare che ne avevo buttato via un pacco iperscaduto!
Ho messo due-tre ingredienti nella lista della spesa e via.
Spedita la madre al supermercato.
Ah, ovviamente utilizziamo le eccellenze italiane per preparare il piatto!
I colori principali poi sono: bianco e rosso.
Valutate un po’ voi!

IMG_3828

La mia pasta per le Millemiglia

Ingredienti:
160g di pasta formato ruote
Mezza confezione di Pomodoro Datterino  in succo Così Com’è
stracciatella
un paio di foglie di basilico
olio evo

Preparazione:
Mettete sul fuoco una pentola con acqua e portatela ad ebollizione, quindi salatela e buttate la pasta.
Fatela cuocere per 8 minuti, quindi scolate la pasta e fatela saltare un minuto a fiamma alta con i pomodori (giusto per scaldarli).
Impiattate e aggiungete un cucchiaio di stracciatella, il basilico e un giro d’olio evo a crudo.
Servite e gustatevi tutto il sapore italiano!

IMG_3829 IMG_3835 IMG_3842IMG_3849 IMG_3855 IMG_3824

Giusto per darvi due nozioni sulla scelta del piatto:

Nonostante i colori principali siano il rosso e il bianco, ho aggiunto al piatto il verde per sottolineare l’origine della preparazione, visto che la Millemiglia attraversa l’Italia (in 4 giorni da Brescia a Roma e ritorno).
Il formato di pasta, ovviamente, richiama le ruote delle automobili (che genio eh!).
Ho scelto  il datterino in succo (nel suo!) perchè, nonostante la terra d’origine del pomodoro non venga toccata dalla manifestazione, ha un sapore che esalta qualsiasi piatto tradizionale. In più viene coltivato esclusivamente nella Piana del Sele, garantendo tutta la filiera e dove, poco dopo averlo raccolto, viene conservato in vetro grazie ad un processo delicato così da mantenerne tutto il gusto e le proprietà nutrizionali.
La stracciatella, che richiama il bianco della bandiera italiana, dona freschezza al piatto, mentre il basilico rilascia il tocco aromatico perfetto che richiama “la pasta al pomodoro italiana” nel mondo.

Se rifai qualche mia ricetta, taggala su instagram con @col_ph o #colcavolo

Ti potrebbero piacere anche questi

2 commenti

Monica 15 Maggio 2014 - 16:38

La stracciatella mi piace tantissimo, ma qui è praticamente introvabile, quindi appena le trovo la compro pensando che sicuramente un buon piatto lo trovo per usarla..e direi che questo mi piace, semplice ma bello, sorpattutto perchè se gli ingredienti sono di prim’ordine allora è un piatto di tutto rispetto! Baci

Reply
colkitchenphotos 15 Maggio 2014 - 16:42

Anche io di solito la compro “perchè mi inventerò qualcosa” e poi finisce che me la mangio a forchettate insieme ad un buon pane!
Sono contenta che il piatto ti piaccia 🙂
Un abbraccio!

Reply

Lascia un commento