Home » Spezzatino take away

Spezzatino take away

by Col Cavolo

IMG_1919Storia di una ricetta partita male e finita peggio un pochino meglio.
Quando ho letto dell’MTC di gennaio proposto da Chiara e Marta sono andata un po’ in panico.
A casa mia la carne si cucina poco e, in caso, con cotture velocissime (amo il filetto al sangue. ecco.).
Quando poi ho letto che lo spezzatino doveva essere accompagnato da qualcosa con cui fare la scarpetta, il panico è aumentato.
A casa mia il pane non lievita nemmeno a gonfiarlo con la pompa dei palloncini.
Ho fatto quindi alcune prove: pane senza lievito, pane per hot dog.
Poi ho tirato le somme.
La mia idea era quella di cuocere lo spezzatino nella tajine, quindi sono corsa in negozio.
Ho scelto una tajine in terracotta (color terracotta, grezza, senza fornzoli), ma mi sono accorta che sul coperchio c’era una crepa. Arrivata in cassa ho chiesto se ne avessero un’altra e ovviamente la risposta è stata negativa, quindi ne ho presa un’altra, ma gialla.
Perfetto, la pentola c’è.
Arrivo a casa e inizio con il trattamento alla tajine (durato due giorni per motivi di tempo).
Ho lasciato la tajine a mollo in acqua tutta notte, quindi ho passato tutto l’interno con un panno “imbevuto” di olio di oliva, l’ho messa nel forno e poi l’ho acceso sui 150° lasciandola dentro due ore. Ho tolto la tajine dal forno, l’ho lasciata raffreddare completamente, l’ho pulita con acqua calda e detersivo, ho messo lo spargifiamma sul gas e ho preparato tutti gli ingredienti.
Pronto tutto, ho iniziato.
Ho acceso il gas al minimo, aggiunto l’olio e il burro, quindi la carne a rosolare e.
Un piccolo scoppio, di quelli che si creano di solito quando una goccia d’acqua cade nell’olio bollente.
Inizio a mescolare la carne e la vedo.
La crepa che si è creata in TUTTO il fondo della tajine.
Rotta. Morta per sempre.
Quindi ho trasferito tutto nella solita noiosa pentola in acciaio e ho preparato lo spezzatino.

IMG_1912

Spezzatino take away

Ingredienti:
. per il pane
340g di farina
1 cucchiaio di lievito per il pane (io quello secco di birra con aggiunta di lievito madre secco)
2 cucchiai di zucchero semolato
1 cucchiaino di sale
25g di burro
75ml di acqua
100ml di latte
2 tuorli

. per lo spezzatino
500g di vitello
4 cucchiai di olio evo
1 noce di burro
1/4 di cipolla
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di prezzemolo tritato
400g di patate
250g di cavolo cappuccio rosso
1 confezione di pomodorini Cirio
sale
pepe

Preparazione:
Prima di tutto preparate il pane che richiede più tempo a disposizione.
In una ciotola mescolate la farina con il lievito, lo zucchero e il sale.
Mettete il burro e l’acqua in un pentolino e fate sciogliere il tutto, quindi aggiungete il latte e assicuratevi che la temperatura raggiunga i 50°-55°.
Mescolate i liquidi agli ingredienti secchi mescolando velocemente con una forchetta e aggiungete i tuorli, uno alla volta, continuando a mescolare.
Impastate con le mani il composto fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo ed elastico.
Create una palla e mettetela in una ciotola oliata. Coprite con la pellicola trasparente e lasciatela riposare fino a quando avrà raddoppiato il volume.
Quando l’impasto è pronto dividetelo in 4 parti e formate dei cilindri che metterete su una teglia ricoperta di carta da forno.
Spolverate i panini con un po’ di farina, copriteli con la pellicola e lasciateli riposare ancora un’ora circa.
Accendete il forno a 220°.
Spennellate i panini con il latte e infornateli per circa 15 minuti fino a quando la superficie sarà ben dorata.
Sfornateli e lasciateli raffreddare completamente.

Preparate lo spezzatino.
Nella tajine mettete l’olio e il burro e fateli sciogliere completamente rendendoli ben caldi.
Aggiungete la carne a pezzetti e fatela rosolare bene.
Abbassate la fiamma e aggiungete la cupolla tritata finissima, lo zenzero, la curcuma, il prezzemolo e coprite tutto con l’acqua.
Aggiungete quindi i pomodorini, le patate tagliate grossolanamente, il cavolo cappuccio tagliato grossolanamente, sale e pepe.
Cuocete per un’ora a fuoco basso aggiungendo l’acqua in caso si asciugasse troppo lo spezzatino.

Tagliate a metà il panino e farcitelo con lo spezzatino caldo e un po’ di sughetto.
Servite subito!

IMG_1894 IMG_1896 IMG_1908 IMG_1909
IMG_1922

La ricetta del pane arriva da qui.

BANNERSFIDA

Ti potrebbero piacere anche questi

8 commenti

alittleplacetorest 20 Gennaio 2014 - 14:22

Nonostante la disavventura mi sembra proprio ben riuscito questo spezzatino! Bella idea quella della versione take-away! =)
Mariangela

Reply
colkitchenphotos 20 Gennaio 2014 - 15:10

Grazie Mariangela!!
Alla fine mi sono dovuta arrangiare, ma si, era proprio buono!!
Un abbraccio 🙂

Reply
alessandra 20 Gennaio 2014 - 21:34

mia mamma mi ha appena regalato una tajine meravigliosa e la prima cosa che mi ha detto è stata: mi raccomando, lo spargifiamma! ora leggo qui- e penso che la userò come soprammobile.
Senti, sarà stata una giornata storta, ma è finita con un’idea grandiosa- perchè lo spezzatino take away non si era mai visto! I cavoli mi han fatto venire in mente gli hot dog con i crauti che si mangiano in Germania e in effetti potrebbe essere un’idea italianissima per un nuovo cibo di strada: di sicuro, batterebbe i wurstel di parecchio! complimenti davvero!

Reply
colkitchenphotos 21 Gennaio 2014 - 10:31

No dai, non usarla come soprammobile.
Io non mi abbatto così, ne ho già puntata una su Amazon e nel frattempo riporto in negozio quella rotta per vedere cosa mi dicono.
Grazie mille per i complimenti!!
Un abbraccio!

Reply
Chiara 20 Gennaio 2014 - 23:03

Peccato per la tajine appena comprata, ma disavventura a parte, la ricetta mi sembra ben riuscita. L’idea di mettere il tutto nel panino poi mi piace davvero tanto. A firenze dentro un panino ci mettiamo la trippa, il lampredotto e anche lo stracotto, quindi ci vedrei benissimo anche lo spezzatino in versione street food. Brava davvero. un abbraccio, Chiara

Reply
colkitchenphotos 21 Gennaio 2014 - 10:34

Grazie Chiara!
Ormai lo street food è ovunque, anche se a Brescia l’unico vero cibo da strada è il Bertagnì (baccalà fritto).
Dopo uno spezzatino nel panino però ci vuole una bella dormita! 🙂
Un abbraccio!

Reply
Mapi 23 Gennaio 2014 - 19:50

Oh mamma, che disdetta la rottura della tajine!!!
Però scusa, perché dopo averla tenuta in ammollo (per sole 12 ore anziché le 24 richieste dalle normali pentole di coccio) l’hai messa in forno? In questo modo l’hai seccata e ne hai provocato la rottura!!! Se il fabbricante ti ha dato queste istruzioni puoi reclamare!!!
Ciò detto, mi piace un mondo il tuo spezzatino. :-p

Reply
colkitchenphotos 24 Gennaio 2014 - 12:05

Ho seguito le istruzioni, purtroppo è deceduta per sempre 🙁
Grazie mille, un abbraccio

Reply

Lascia un commento